Il Queyras

Un autentico stile di vita

Protetto dalle montagne, un tempo chiuso però mai isolato, il Queyras ha sviluppato una storia originale.
Dalle case porticate di Arvieux passando per il forte di Château-Queyras o arrivando nel paesino più alto d’Europa, il Queyras coniuga natura, arte e tradizione, suscitando l’entusiasmo del visitatore.


Fort Queyras

Il gioiello della valle

Costruito su una soglia glaciale che domina le gole del Guil, Fort Queyras impone il suo profilo caratteristico nel paesaggio del Queyras.
Questa fortezza medievale, modificata da Vauban, era destinata a bloccare la valle e proteggere i suoi abitanti dai saccheggiatori e da altri barbari.

Oggi partite alla volta dei suoi 2.000 m² di edifici, torri, ponti levatoi e cammini di ronda e ricordate di contemplare la magnifica vista sulla valle e l’Italia dalle feritoie.

Un percorso segnalato permetterà di visitare questo luogo che comprende varie epoche militari. Una visita che entusiasmerà i più piccoli permettendo loro di viaggiare nel tempo, scoprendo come venivano costruite le fortificazioni e lo stile di vita dei soldati.

30 km, 30 min.


 

Saint Véran

La vetta dell’Europa

Arroccato a 2042 m di quota, St Véran è noto come “il paesino in cui il gallo becca le stelle”, distinguendosi come il comune abitato più alto d’Europa.



Arvieux e il Col d’Izoard

Un territorio preservato

Ai piedi del celebre Col d’Izoard si estende la valle di Arvieux e i suoi 13 pittoreschi paesini di montagna. Nota anche come Val d’Azur, il nome della valle rispecchia il cielo sempre stupendo.

Arvieux vi conquisterà con la sua architettura costituita da grandi fattorie, esposte a sud, con varie serie di arcate su 2 o 3 livelli.


Non lasciate la valle di Arvieux senza aver fatto una sosta al paesino di Brunissard, un elemento importante del patrimonio del Queyras.
Vi conquisteranno la sua scuola, il suo forno, il suo tempio e la sua chiesa, senza dimenticare il campanile, noto anche come Tour du Procureur.





Infine, partite alla volta di un colle leggendario del Tour de France.
In bici per i più coraggiosi oppure in auto: a voi la scelta...


Lo spettacolo dell’Izoard sarà grandioso

Noto essenzialmente per il suo spettacolare sito della Casse Deserte, spalancate gli occhi: dopo una curva troverete un altro pianeta! Davanti a voi, uno scenario minerale brullo costituito da straordinari detriti e picchi che si innalzano verso il cielo.
I pini e le distese erbose hanno ceduto il posto a una roccia nuda, un paesaggio lunare e spoglio. Qui il grigio chiaro della roccia contrasta con il blu intenso del cielo.

Quanto alle attività tradizionali, Les Jouets du Queyras, la fattoria degli Espars e la stalla delle capre entusiasmeranno grandi e piccini.