2016 150716081419 Www.scalpfoto.com 22016 150716081419 Www.scalpfoto.com 2
©2016 150716081419 Www.scalpfoto.com 2|Pascal Gombert Scalp
6 giorni di ciclismo a VarsDal 01 al 07 luglio

La famosa 6 jours cyclos de Vars torna dall’1 al 7 luglio per affrontare ancora una volta le leggendarie strade delle Alpi del Sud!

6 giorni di ciclismo a Vars

I 6 giorni

Una tradizione

La 6 Jours de Vars dà il via alla stagione estiva di Vars da quasi 35 anni. Ogni anno, fino a 200 ciclisti si riuniscono a Vars per affrontare alcuni dei passi più belli delle Alpi meridionali. Nel corso della settimana, questi ciclisti esperti affronteranno un totale di 730 km e 15070 metri di dislivello.

Il percorso

“Hai detto “la 6 giorni di Vars”?

Ma non è l’evento cicloturistico di una settimana di cui mi hanno parlato molti amici ciclisti incontrati qua e là? Si dice che sia una pedalata a forma di stella incentrata sul comune di Vars, nella regione delle Hautes-Alpes, in un bellissimo paesaggio alpino.

Si dice che si tenga ogni anno all’inizio di luglio dal 1983. Si dice che sia organizzata dal piccolo club 6 cols de Vars, i cui volontari attendono questa settimana come marmotte che si godono il piacere di accogliervi. Dicono che il percorso di quest’anno ci porterà nei dintorni di Guillestre, al Col d’Izoard, al Col de la Cayolle, al Col Agnel e alla cime de la Bonette. Si dice anche che per molti appassionati tutte le strade portano a Vars…”. Così parlò un ciclista bisognoso di sforzi, scoperte e convivialità!

Tour del Lago di Serre-Ponçon

Il Lago di Serre-Ponçon, il 2° bacino idrico più grande d’Europa, e le montagne che lo dominano, offrono uno scenario incantevole. I percorsi intorno al lago sono una successione di passi di media montagna che vi faranno sentire la fatica delle gambe a fine giornata. Una giornata introduttiva forse non facile, ma che gioia per gli occhi

Corso grande: 116 km / 2320 D+

Corso piccolo: 86 km / 1540 D+

Col d’Izoard

La fama internazionale di questo passo è ormai consolidata da tempo. Deve la sua fama alla sua difficoltà e alla bellezza dei suoi paesaggi, tra cui la spettacolare Casse Déserte. Deve la sua fama anche a tutte le imprese compiute sui suoi formidabili pendii dai migliori ciclisti del mondo. Scalato regolarmente durante le grandi corse (Tour, Giro, Delfinato libero, Triathlon di Embrun), l’Izoard è un monumento al ciclismo. Pedalate sulle orme dei giganti ed entrate nella leggenda

Grand Parcours: 128 km / 2550 D+

Petit Parcours: 98 km / 1600 D+

.

Col de la Cayolle, Col des Champs e Col d’Allos

Gole profonde, pareti vertiginose, torrenti che scendono a cascata, boschi di larici e pascoli fioriti: tutto concorre a fare del Cayolle uno dei passi più belli e selvaggi della Route des Grandes Alpes. È una salita lunga, ma mai molto ripida, su una strada piccola e molto pittoresca. Dovrete mantenere le forze per il ritorno e per il difficilissimo versante sud del Col de Vars. Per chi sceglie il percorso dei 3 passi (Cayolle, Champs e Allos), è necessario essere ben allenati per arrivare alla fine di questo magnifico e formidabile anello.

Très Grand Parcours: 124 km / 3300 D+

Grand parcours: 131 km, 2500 D+

Petits Parcours: 106 km / 1550 D+

Col du Granon

Il passo di montagna più duro della regione del Briançonnais fa parte della storia del Tour de France, in particolare dalla tappa del 13 luglio 2022 che vide Jonas Vingegaard conquistare una splendida vittoria davanti a Nairo Quintana e Romain Bardet. Quel giorno, prese la maglia gialla da Tadej Pogacar e la mantenne fino al traguardo sugli Champs-Elysées. Il Granon è il giudice del Tour, quindi bisogna affrontarlo con rispetto se si vuole godere della salita. La pendenza è ripida e sostenuta (11,5 km al 9%), la strada stretta e tranquilla in termini di traffico e la vista sul massiccio degli Ecrins dalla cima è abbagliante.

Grand Parcours: 134 km / 2300 D+

Petit Parcours: 91 km / 1600 D+

Col Agnel e Saint Véran

Attraversato quattro volte dal Giro e due volte dal Tour, questo gigante del Queyras segna il confine del Paese. È il 2° passo stradale più alto di Francia e Italia! Da Guillestre, la salita è un susseguirsi di lunghi falsipiani e ripidi pendii, i più ripidi dei quali sono gli ultimi chilometri. Sarebbe un peccato non fare una deviazione fino al delizioso villaggio di St Véran, il comune più alto d’Europa e assolutamente da vedere. Il ritorno alla valle del Guil è un gioco di manovelle con vento contrario per 20 chilometri.

Grand Parcours: 119,5 km / 2700 D+

Petit Parcours: 90,5 km / 1850 D+

Cime de la Bonette

Con i suoi paesaggi grandiosi e l’altitudine di tutto rispetto, la strada più alta d’Europa attira molte persone durante l’estate. Fate attenzione su questa lunga e stretta strada di alta montagna, che offre paesaggi e pendenze mozzafiato. Nella discesa dalla vetta, assicuratevi di seguire le indicazioni per Jausiers e non per Nizza. Attenzione alle marmotte che a volte attraversano la strada senza preavviso. La Bonette, una mecca del ciclismo eccezionale e indimenticabile!

Grand Parcours: 101 km / 2700 D+

Petits Parcours: 76 km / 1800 D+

Sempre di più

Festival del patrimonio

Andate a scoprire i festival del patrimonio, un altro modo per scoprire Vars.

Scopri di più

Chiudere